Terapia elettroconvulsiva (ECT)

ECT: una forma di trattamento per la depressione

La terapia elettroconvulsiva (ECT) è una forma di trattamento per la depressione che prevede l'applicazione di un breve impulso elettrico al cuoio capelluto per produrre un attacco. Generalmente, una serie di trattamenti viene fornita per un periodo di settimane.

Chi è un candidato per ECT?

L'ECT è considerata la più appropriata per la depressione grave o delirante , così come per la mania acuta e alcune sindromi schizofreniche.

Per determinare se un paziente è un buon candidato per ECT, i medici dovrebbero considerare quanto segue:

Cosa succede prima dell'ECT?

In preparazione alla procedura, i pazienti ricevono un controllo medico. Eventuali farmaci che potrebbero causare problemi durante il trattamento potrebbero dover essere sospesi o attentamente monitorati. I pazienti malnutriti devono controllare e correggere gli elettroliti se necessario.

Eventuali problemi con i denti del paziente devono essere affrontati perché la mascella si serra durante il trattamento e i denti indeboliti potrebbero rompersi.

Il trattamento è generalmente programmato per la mattina presto. La sera prima, i capelli del paziente vengono lavati a fondo e in seguito non è possibile applicare prodotti per capelli cremosi o lozioni per la pelle.

Al paziente non è permesso mangiare o bere dopo la mezzanotte per ridurre il rischio durante l'anestesia.

Cosa succede durante l'ECT?

Nella sala di trattamento, il paziente avrà un pulsossimetro collegato per monitorare i livelli di ossigeno nel sangue. Gli elettrodi saranno collegati al corpo per eseguire un elettrocardiogramma (ECG) per monitorare l'attività cardiaca e un elettroencefalogramma (EEG) per monitorare l'attività cerebrale. Un bracciale per la pressione sanguigna viene posizionato sul braccio del paziente per monitorare la pressione sanguigna. L'accesso endovenoso è garantito per la somministrazione di farmaci.

L'anestesia viene indotta e al paziente viene somministrato ossigeno per tutta la procedura. Un miorilassante viene somministrato per via endovenosa e, dopo che ha avuto effetto, un blocco per morsi viene posto nella bocca del paziente e la mascella viene delicatamente tenuta chiusa. Lo stimolo elettrico viene quindi applicato utilizzando i parametri attentamente selezionati fino a quando si verifica un grippaggio che dura almeno 30 secondi. Durante il sequestro vengono monitorati la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca e il ritmo.

Cosa succede dopo ECT?

Una volta che il respiro del paziente è tornato alla normalità, il paziente viene osservato per almeno mezz'ora. Raramente, si verificherà il vomito.

La maggior parte dei pazienti sarà lievemente confusa seguendo la procedura, per un periodo che va da 15 minuti a diverse ore.

Una minoranza di pazienti diventerà agitata.

rischi

Il moderno ECT è molto più umano e sicuro di quanto fosse una volta, ma ci sono alcuni rischi.

Benefici

Quali sono i diritti legali del paziente?

Sia la legge che l'etica medica richiedono che i pazienti che ricevono ECT devono dare il loro consenso informato. Ciò significa che la procedura deve essere pienamente spiegata al paziente e il paziente deve accettarlo volontariamente. I pazienti hanno il diritto di rifiutare il trattamento, anche se hanno precedentemente dato il consenso. Se il paziente non ha la capacità di dare il consenso informato, una decisione deve essere presa da un tribunale prima che possa essere trattato.

Riferimenti:

Terapia elettroconvulsiva. Dichiarazione di consenso del NIH online 1985, 10-12 giugno [citato il 19 aprile 2007]; 5 (11): 1-23.

Moore & Jefferson: Handbook of Medical Psychiatry, 2nd ed., Copyright 2004 Mosby, Inc.

La pratica della terapia elettroconvulsivante: raccomandazioni per il trattamento, la formazione, il privilegio. Una relazione della Task Force dell'American Psychiatric Association, 1990.