Individuazione di segni premonitori di depressione nei bambini piccoli

L'attaccamento e l'irritabilità sono bandiere rosse

Dato il fatto che la depressione può iniziare nella prima infanzia, i genitori preoccupati spesso si chiedono se ci sono segnali premonitori di depressione da tenere sotto controllo nei propri bambini.

Secondo uno studio sul Journal of Clinical Child and Adolescent Psychology , diverse reazioni emotive sono state osservate in bambini in età prescolare che erano depressi oa rischio di interiorizzare i sintomi, e bambini che non lo erano.

I sintomi internalizzanti, come estrema timidezza e disturbi fisici inspiegabili, sono associati a sintomi depressivi in ​​alcuni bambini.

Nel loro studio sui bambini dai 3 ai 5 anni, hanno scoperto che i ragazzi depressi ea rischio mostravano più rabbia di qualsiasi altro gruppo di studio e che le ragazze depresse ea rischio mostravano più tristezza nel complesso.

Questa scoperta suggerisce che i primi segnali di avvertimento emotivo potrebbero essere presenti nel corso della depressione infantile. Inoltre, mostra che queste reazioni emotive differiscono tra ragazzi e ragazze.

Ulteriori segni premonitori di depressione

I genitori dovrebbero essere consapevoli di ulteriori segni di depressione che possono apparire nei bambini piccoli. È meno probabile che i bambini piccoli siano in grado di esprimere ciò che sentono rispetto ai bambini più grandi o agli adulti. Invece, possono aggrapparsi a un genitore e rifiutarsi di separarsi per paura di qualcosa di male, lamentarsi costantemente di malattie fisiche vaghe che non hanno una causa medica sottostante, o rifiutarsi di andare a scuola o uscire di casa.

Genitori, insegnanti o operatori sanitari possono segnalare che un bambino "non sembra come se stessa".

A differenza degli adulti, dove l'umore depresso e l'anedonia sono i fattori principali per fare una diagnosi di depressione, l' irritabilità è un sintomo importante della depressione nei bambini ed è in realtà un fattore nella diagnosi della depressione infantile, secondo il DSM-IV .

L'irritabilità può presentarsi sotto forma di scoppi d'ira, reazioni inappropriate o semplicemente uno stato d'animo negativo.

L'anedonia, o l'incapacità di provare piacere, è altamente associata alla depressione e può essere chiaramente identificata dall'età di 3 anni. Per i bambini, l'anedonia è caratterizzata dall'incapacità di provare piacere dal gioco adatto all'età.

Cosa fare se siete interessati

Se pensi che il tuo bambino abbia sintomi di depressione, visita prima il suo pediatra. Un medico può escludere qualsiasi malattia fisica che potrebbe causare i suoi sintomi.

Una volta che la malattia fisica è stata esclusa, far valutare il bambino da un professionista della salute mentale che sia addestrato a lavorare con i bambini e a trattare i disturbi dell'umore. Lo specialista valuterà il bambino e determinerà una diagnosi appropriata e, se necessario, un trattamento .

L'identificazione precoce della depressione è estremamente importante, specialmente per i bambini. Un trattamento efficace può ridurre la gravità del decorso della depressione di un bambino.

fonti:

American Psychiatric Association. Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, 4a edizione, Revisione del testo. Washington, DC: American Psychiatric Association; Del 2000.

Depressione e suicidio nei bambini e negli adolescenti. Rapporto sulla salute del chirurgo generale. Accesso: 01 aprile 2011. http://mentalhealth.about.com/library/sg/chapter3/blsec5.htm

Joan L. Luby, MD, Marilyn J. Essex, Ph.D., Jeffrey M. Armstrong, MS, Marjorie H. Klein, Ph.D., Carolyn Aahn-Waxler, Ph.D., Jill P. Sullivan, MS e H. Hill Goldsmith, Ph.D. Differenze di genere nella reattività emotiva e nei bambini in età prescolare a rischio: implicazioni per le manifestazioni specifiche di genere della depressione prescolare. Il Journal of Clinical Child and Adolescent Psychology . Luglio 2009. 38 (4): 525-537.

Joan L. Luby. "Depressione prescolare: l'importanza dell'identificazione della depressione precoce allo sviluppo". Tendenze attuali in Scienze psicologiche , agosto 2010; 19 (4).